CamBio Logico, ristorante vegan & raw

cambio-logico-forlì

Partiamo da Firenze, direzione Cattolica, dove io e Vale trascorreremo una parte delle nostre ferie, e decidiamo di intraprendere la strada panoramica del Muraglione che ci collega direttamente a Forlì.
Scegliamo di far tappa qui per cenare al CamBio Logico, il primo ristorante 100% vegan di Forlì, del quale ci hanno parlato molto bene. Si trova in corso Diaz 17, nella zona pedonale, vicino a p.zza Saffi, ma non è stato difficile trovare un parcheggio nelle vicinanze.

cambio-logico-forlìcambio-logico-forlì

Location molto carina e accogliente, personale gentilissimo e accomodante. Già dal nome mi ispira e incuriosita mi studio i piatti. Il menù è molto creativo e varia spesso, anche il pranzo e la cena differiscono per alcune pietanze.

cambio-logico-forlì

Vorrei mangiarmi tutto, propone diverse alternative crudiste, tra cui lasagne di zucchina e mousse di avocado con pinzimonio, ma anche antipasti, insalatone, pasta fatta in casa con diversi condimenti, seitan autoprodotto e ovviamente dolci (anche alcuni di questi sono crudisti).
Frutta e verdura sono di stagione, a km 0 e per quanto possibile biologiche.

cambio-logico-forlìcambio-logico-forlì

Alla fine opto per gli straccetti di seitan al farro, stufati alla thailandese con latte di cocco, lime, cumino, coriandolo, cannella, paprika, noce moscata, scalogno e arachidi. E’ morbidissimo, speziato e i differenti sapori, accostati tra loro, si esaltano a vicenda.
Vale invece assaggia i maltagliati di farina di grano e mais saltati con caponata, profumano di origano e sono molto gustosi.
Ormai sazie (le porzioni sono belle abbondanti), concludiamo con una fetta di cheesecake raw al cioccolato, con crema di anacardi e cocco… decisamente sublime!

cambio-logico-forlì

Il CamBio Logico ospita anche eventi, tra cui conferenze (in questi giorni è stata ospite Paola Maugeri) e concerti musicali.

cambio-logico-forlìcambio-logico-forlì

A noi, il buon cibo, l’ambiente arredato con gusto e la gentilezza del personale ci hanno fatto veramente una buona impressione, sicuramente quando ci capiterà di nuovo di passare per Forlì ci fermeremo ad assaporare altre prelibatezze! Bravi ragazzi 🙂

cambio-logico-forlìcambio-logico-forlì

Fritto speziato: Polpette di fagioli al rosmarino, onion rings al curry e patate alla paprika

fritto-speziato-vegan

Dopo aver preparato i burger ci è venuta voglia di cibo di strada, così – che i nostri fegati abbiano pietà di noi! – siamo rimaste su questo tema con dei fritti non proprio salutisti, ma almeno preparati con le nostre mani! Ogni tanto, ebbene sì, anche i vegani mangiano junk food!
Abbiamo deciso di cucinare delle polpettine di fagioli borlotti, onion rings e patatine fritte alla paprika. Fate scorta di ketchup e maionese, si mangia!!!

Ingredienti:
Olio di semi di girasole o di mais

Per le polpette (circa 10):
250 gr di fagioli borlotti precotti
1 cucchiaino di rosmarino
1 cucchiaio di olio evo
2 cucchiai di semi di girasole
pangrattato qb
2 cucchiai di farina
2 cucchiai di acqua
sale qb

Per le onion rings al curry (circa 20):
1 cipolla rossa di medie dimensioni
3 cucchiai di farina
2 cucchiai di curry
2 cucchiai di acqua
sale qb

Per le patate alla paprika:
3 patate
paprika qb
sale qb

Innanzitutto sappiate che servirà tanto olio per friggere! Potete preparare tre pentolini diversi se non volete rischiare di mischiare i sapori o solo uno dove cuocerete una preparazione per volta.

polpettine-di-fagioli

Versate in una ciotola i fagioli borlotti precedentemente lessati, schiacciateli con una forchetta fino a ridurli in purè, aggiungete olio, sale, rosmarino tritato, i semi di girasole (interi o tritati, in base al vostro gusto) e tanto pangrattato fino a riuscire a modellare delle polpettine.

Con acqua e farina preparate una pastella densa, immergete le polpette e poi passatele nel pangrattato. Sono pronte per essere fritte. Cuocetele per un massimo di 4/5 minuti, altrimenti la panatura rischierà di sfaldarsi.

fritto-speziato-vegan

onion-rings-vegan

Sbucciate la cipolla e tagliatela a rondelle larghe circa mezzo centimetro. Ogni rondella deve essere “sfogliata” per rimuovere gli anelli interni. Preparate la pastella con acqua, farina e curry, deve essere molto densa, altrimenti non rimane attaccata.

Intingete ciascun anello di cipolla nella pastella ottenuta e friggete in abbondante olio bollente per circa 3 minuti.

fritto-speziato-vegan

E le patate fritte? Beh, non penso ci sarebbe bisogno di scriverlo… ma ormai mi tocca!!! Pelate le patate e tagliatele a fettine molto sottili, friggete e quando saranno pronte adagiatele su carta assorbente e cospargete di paprika e sale.

fritto-speziato-vegan

Se vi viene un’improvvisa voglia di fast food, ora sapete come appagarla!!!

Burger di lenticchie con focaccine integrali senza lievito

burger-vegan-lenticchie

Poco tempo per il pranzo, voglia di un panino che non abbia le solite tre verdurine? Nulla di meglio di un burger di lenticchie, specialmente se accompagnato da focaccine integrali che si preparano rapidamente e che non hanno bisogno di lievitazione. Per farcirlo vi potete sbizzarrire con gli ingredienti che preferite, noi abbiamo scelto maionese, insalata, pomodoro e cipolla in stile fast food (ma molto più sano!). I burger hanno una consistenza perfetta e il successo è assicurato.

Ingredienti (3 porzioni):

Per 3 burger:
250 gr di lenticchie lessate
1 carota
1 spicchio d’aglio
1 fettina di cipolla rossa
2 cucchiai di passato o concentrato di pomodoro
1 cucchiaio di olio evo
70 gr di pangrattato
sale qb

Per 3 focaccine:
300 gr di farina integrale
150 ml di acqua tiepida
2 cucchiai di olio evo
1 cucchiaino di sale

Per farcire:
1 pomodoro
una decina di foglie di lattuga
uno spicchio di cipolla rossa
maionese vegan

In una ciotola versate la farina integrale, aggiungete sale, olio e l’acqua a poco a poco, amalgamando con le mani. Prelevate la palla formatasi e lavoratela su una spianatoia infarinata finché risulterà liscia ed omogenea. Lasciatela riposare in frigo avvolta dalla pellicola mentre preparate i burger vegani.

focaccina-integrale

Frullate le lenticchie lasciandone qualcuna intera. Grattugiate la carota o tritatela finemente al coltello e aggiungetela alle lenticchie insieme ad aglio e cipolla tritati. Mescolate il tutto accorpando il passato di pomodoro, l’olio evo, il pangrattato e il sale. Con le mani formate delle palline e poi schiacciatele modellandole per dar loro la forma di medaglioni. Con queste grammature verranno 3 burger da circa 110 gr l’uno.

Prelevate l’impasto delle focaccine dal frigo e suddividetelo in tre porzioni delle stesse dimensioni. Stendete ogni pallina aiutandovi con un mattarello formando dei dischi aventi uno spessore di circa 1,5 cm.

burger-veganburger-veganburger-veganburger-veganburger-vegan

In una piastra unta d’olio fate cuocere le focaccine da entrambi i lati, tagliatele a metà e date una scottata anche alla parte interna. Cuocete anche i burger da entrambi i lati, finché risulteranno belli dorati.

Ora spalmate sulle focaccine la maionese vegan (noi abbiamo spolverato con qualche semino di papavero), aggiungete sulla base la lattuga tagliata, due fettine di pomodoro, adagiateci sopra il burger e terminate con della cipolla rossa tagliata sottile e l’altra metà della focaccina.

burger di lenticchie

Genuino, semplice e goloso!

Lasagne vegan con pomodori datterini, fiori di zucca e pesto ai pistacchi

lasagna-vegan-pesto

Nonostante ultimamente stia seguendo un’alimentazione prevalentemente fruttariana – colpa del caldo e della prova bikini :p – per la cena in famiglia ho fatto uno strappo alla “regola” e dato che avevo a disposizione tutta la domenica ho deciso di preparare delle lasagne con sfoglia home-made (anche perché la sfoglia per lasagne senza uova o non la trovo o costa una follia). Diciamo che se la pasta la si stende con l’apposito attrezzo tutta la preparazione risulta molto più rapida, ma, essendone sprovvista, mi sono armata di mattarello e pazienza stendendo un pezzettino alla volta. Il condimento scelto è decisamente fresco, estivo e profumato.

Ingredienti (6 porzioni):

Per la sfoglia:
400 gr di farina di semola di grano duro
240 ml di acqua tiepida
5 gr di sale

Per il ripieno:
1 kg di pomodori datterini
300 gr di fiori di zucca
3 cucchiai di olio evo
peperoncino in polvere a piacere
sale qb

Per il pesto:
60 gr di basilico
40 gr di pistacchi
40 gr di olio evo
1 tazzina di acqua
sale qb

Per la besciamella:
400 ml di latte di soia non zuccherato o di avena
40 gr di farina
40 gr di olio evo
sale qb
pepe qb
noce moscata qb

pesto-pistacchi-vegan

 

Innanzitutto procedete preparando la pasta per lasagne senza uova. Versate la farina in una ciotola creando un incavo al centro dove aggiungerete il sale e l’acqua a poco a poco. Mentre versate l’acqua iniziate a impastare con l’altra mano finché avrete accorpato tutta la farina.

Cospargete un po’ di farina sulla spianatoia e continuate a lavorare la pasta senza mai strapparla fino ad ottenere un impasto liscio, omogeneo ed elastico. Avvolgetelo nella pellicola e lasciatelo riposare in frigo per circa un’ora.

pesto-vegan-pistacchi

 

Nel frattempo preparate il ripieno. Lavate i pomodori datterini e i fiori di zucca. Tagliate i pomodorini in quattro parti e i fiori a listarelle sottili. Fate scaldare in padella tre cucchiai d’olio evo, versate i fiori di zucca e lasciate ammorbidire. Aggiungete poi i pomodorini, lasciate cuocere a fuoco moderato. A fine cottura aggiungete sale e peperoncino a piacere.

Per la besciamella seguite questa ricetta.

Nel bicchiere del minipimer versate il basilico, i pistacchi precedentemente tritati, l’olio evo e un cucchiaio d’acqua e frullate. Aggiungete altra acqua fino ad ottenere la consistenza desiderata. Aggiustate di sale.

A questo punto siete pronti per stendere e cuocere la sfoglia. Prendete una pentola larga e capiente e riempitela per metà d’acqua, portate a bollore e salate. Aggiungete un cucchiaio di olio evo affinché la sfoglia non si attacchi durante la cottura.

Prendete l’impasto e dividetelo in piccole palline che stenderete con il mattarello una alla volta. Se invece siete provvisti dello stendipasta stendete tutto l’impasto e successivamente tagliatelo in rettangoli.

 

lasagna-vegan

 

Cuocete i rettangoli di pasta nell’acqua bollente per circa 5 minuti. Una volta cotti stendeteli su degli strofinacci puliti ad asciugare.

E ora componete la lasagna! Preriscaldate il forno a 180°. In una teglia rettangolare dai bordi alti stendete un primo strato di besciamella seguito da uno di pasta, ancora besciamella, pomodorini e fiori di zucca e qualche cucchiaiata di pesto diluito in acqua calda (va benissimo l’acqua di cottura della pasta). Seguite lo stesso procedimento per tutti gli strati (io ne ho fatti sei) tranne l’ultimo dove metterete solo besciamella e pesto. Infornate per circa 30 minuti.

pesto-vegan-pistacchi

 

Sfornate e lasciate raffreddare leggermente prima di tagliare. Potete servire ogni porzione cospargendola di pesto fresco e guarnendo con pistacchi tritati. Una delizia!

Yogurt vegan cake

yogurt-vegan-cake

Qualche tempo fa vi ho mostrato come faccio i biscotti alla mela e cannella e avevo anticipato che una parte di quell’impasto lo avrei usato per un’altra ricetta. Eccola qui! Invece che comprare biscotti confezionati per la base di questa yogurt vegan cake, adoperiamo la nostra pasta frolla, tutto sarà più genuino e fresco, regalandoci grande soddisfazione. Ovviamente accendere il forno solo per cuocere una parte di frolla sarebbe uno spreco, per questo l’ho eseguita in parallelo alla ricetta dei biscotti, un’unica cottura, due dolci differenti 🙂

Ingredienti:
1/3 di impasto di pasta frolla seguendo le grammature della torta al semolino
2 vasetti di yogurt di soia bianco
200 ml di panna di soia
600 ml di latte di soia zuccherato
succo e scorza di 1/2 limone
1 cucchiaino di essenza di vaniglia
50 gr di zucchero di canna
300 gr di confettura a vostro piacimento (noi di fragole)
2 cucchiai di olio di semi di mais
4,5 gr di agar agar

Cuocete la pasta frolla per circa 30 minuti a 175°, finché non risulterà dorata e croccante. Mentre la lasciate raffreddare riponete i due vasetti di yogurt in un colino dalla trama fitta affinché si separi la parte più liquida e rimanga quindi di una consistenza densa e corposa.

yogurt-vegan-cake

Quando la frolla è fredda spezzettatela e tritatela nel mixer, ottenendo un composto granuloso. Aggiungete al composto due cucchiai di olio di semi e uno di zucchero di canna, stendetelo alla base della tortiera, compattate con un cucchiaio e lasciate raffreddare in freezer per almeno 30 minuti.

Nel frattempo occupatevi della crema: in un pentolino versate latte, panna, zucchero, scorza e succo di 1/2 limone, un cucchiaino di essenza di vaniglia e l’agar agar. Fate scaldare a fuoco moderato mescolando continuamente fino a raggiungere il bollore. Non appena inizia a bollire spegnete il fornello o rischierete che il tutto fuoriesca dal pentolino!

Unite lo yogurt alla crema, versatelo sopra la base della torta. Deve raffreddarsi completamente prima di poter essere ricoperta di confettura. Riponete in freezer per circa 30 minuti (stando però attenti che non si congeli!) o in frigorifero almeno 2 ore.

yogurt-vegan-cake

Quando sarà fredda e compatta si può arricchire con la confettura che avete scelto e servire! Ma secondo me il giorno dopo è ancora più buona!

Decisamente rinfrescante! 😉

Salsa di melanzana con sesamo al profumo di basilico

salsa-melanzana-vegan

L’idea di questa salsa di melanzana nasce sfogliando un libro di cucina mediterranea mentre aspettiamo Diana, un’amica di Vale, che arriverà da Roma. La ricetta originale si chiama baba ghanoush, prevede la cottura della melanzana in forno e l’impiego di coriandolo e cumino. Per velocizzare i tempi abbiamo scelto di cuocere la melanzana in padella e come pianta aromatica usiamo il basilico che coltiviamo sul nostro balcone.

La realizzazione è semplicissima e rapida, il risultato molto saporito!

Ingredienti (1 ciotola piena):
1 melanzana grossa
2 spicchi d’aglio
1 cucchiaio di semi di sesamo
una decina di foglie di basilico
un pizzico di peperoncino
un pizzico di pepe
3 cucchiai di olio evo
sale qb

salsa-melanzana-vegan

Private la melanzana della buccia e tagliatela a cubetti regolari. Tagliate gli spicchi d’aglio a fettine e soffriggeteli in tre cucchiai di olio extra vergine d’oliva. Aggiungete i semi di sesamo e fateli tostare. Quando si saranno scuriti leggermente, versate in padella la dadolata di melanzane e mescolate bene per far assorbire l’olio.

Coprite con un coperchio e lasciate cuocere finché le melanzane non saranno tenere. Nel nostro caso non c’è stato bisogno di aggiungere acqua. A fine cottura unite le foglie di basilico, il peperoncino, il pepe e il sale e frullate con minipimer o mixer.

salsa-melanzane-cecina

Si può gustare sia calda che fredda, con altre verdure o per farcire panini e piadine. Noi l’abbiamo accompagnata a della cecina in formato mini per uno spuntino fingerfood che Diana ha molto apprezzato! (Da brava onnivora curiosa!)

Giumella. Sano Vegano Toscano

giumella-firenze

Aveva aperto da circa un mese la prima volta che siamo state da Giumella. Sano Vegano Toscano recita il pay off di questa gastronomia completamente vegana, che si trova in via Lorenzo di Credi 12r (nei pressi di p.zza Alberti) a Firenze. Siamo state accolte con molta ospitalità da Lucia e Caterina, che ci hanno fatto sorseggiare un bicchiere di vino e assaggiare le loro specialità. Soddisfatte, abbiamo deciso di tornare più volte e siamo ormai clienti affezionate.

giumella-firenze

La vetrina del bancone è veramente ricca, variegata ed invitante:

 lasagne-giumella-firenzemuffin-giumella-firenzegiumella-vegan-firenze

si possono trovare lasagne condite ogni volta diversamente, verdure sempre fresche e di stagione, polpette e muffin dolci o salati, biscotti, torte, crostate e, quelli che secondo me sono i cavalli di battaglia, i formaggi (spalmabili, tipo mozzarella o da grattugiare) e il seitan (in porchetta, alla pizzaiola o al limone, solo per fare degli esempi).

cacio-vegan-giumella-firenze

cacio vegan

seitan-giumella-firenze

seitan in porchetta

biscotti-giumella-firenzecrostata-giumella-firenzecrema-ricotta-vegan-giumella

Tutte le pietanze sono autoprodotte, cucinate in giornata e contengono ingredienti rigorosamente biologici e a km 0.

caprese-giumellavino-giumellagiumella

Le ricette sono il frutto delle sperimentazioni di Lucia, ideatrice e titolare del progetto Giumella, che, combinando conoscenze nutrizionali e gusto, dà vita ad alimenti buoni, sani e cruelty free.

muffin-dolci-giumella

Giumella offre la possibilità di degustare in loco o take away, consigliamo sia ai vegani sia agli onnivori curiosi di farci un salto perché, per quanto ci riguarda, ne vale veramente la pena!

giumellagiumellaIMG_4374

Granita e smoothie al caffè

25414

Ormai ogni post inizierà con “dato che oggi c’è un caldo tremendo.. e via dicendo”. Ma purtroppo è davvero così e siccome bisogna pur difenderci in qualche modo (oltre ad arrabattarci ogni singolo centimetro cubico di ombra o cercare continuamente delle scuse pur di starcene sotto l’ acqua come ad esempio lavare i piatti anche delle altre coinquiline a costo di prolungare il più possibile quel beato momento), ho deciso che questa volta bisognava giocarci l’asso nella manica, colei che insieme al  re gelato è la regina incontrastata dell’ estate.. la granita!

25415

Dato che covavo in silenzio questa ricetta, da qualche giorno avevo messo a congelare del caffè (due moke per l’esattezza) e così oggi, sempre molto silenziosamente, ho aperto il freezer e in gran segreto ho cominciato il mio esperimento..

ingredienti:

due moke di caffè

qualche cubetto di ghiaccio (dipende da quanto volete aumentarne il volume)

aggiungendo del latte di soia e qualche quadratino di cioccolato fondente diventerà una sorta di smoothie, quindi più liquido e spumoso e comodo da bere!

25416

Pancakes vegan alla banana in due versioni: vaniglia e cacao

pancakes vegan alla banana

Dato che oggi è il mio compleanno ho ben pensato di coccolarmi un po’ e autoregalarmi una ricetta dolce e golosa. Per un giorno non contiamo le calorie! E allora tiriamo fuori bilancia, ciotole, mestoli, frusta e… iniziamo! Sono partita con l’idea di una torta, ma accendere il forno sarebbe stata un’impresa coraggiosa visto il caldo torrido, così utilizzo una crepiera (se non ne avete una va benissimo una padella antiaderente) per cuocere dei fantastici pancakes vegan alla banana in due versioni: vaniglia e cacao. Il tutto affogato da cioccolato fondente e panna montata vegetale.

Vi è già venuta un po’ di acquolina?! Allora vediamo insieme come si procede.

La preparazione è semplice e veloce, il risultato a prova di onnivoro curioso! 😉

Ingredienti (10 pancakes):
220 gr di farina
1 cucchiaio di frumina
60 gr di zucchero di canna
430 ml di latte di soia non zuccherato
1 cucchiaio di olio di semi di mais
1 banana matura
1 cucchiaino di aroma di vaniglia
1 cucchiaio di cacao amaro in polvere
1 cucchiaio di aceto di mele
40 gr di cioccolato fondendente
panna montata vegetale a piacere (trovate la ricetta su VeganHome)

Preparate la panna montata vegetale seguendo la ricetta di VeganHome (non compro quelle pronte sempre a causa della presenza di olio di palma tra gli ingredienti), che vi servirà alla fine per guarnire e riponetela in frigo mentre proseguite con gli altri passaggi.

Versate in una ciotola capiente la farina, la frumina, lo zucchero, il latte, il cucchiaio di olio di semi, quello di aceto di mele e mescolate bene con una frusta accorpando tutti gli ingredienti.

pancakes vegan alla banana

Schiacciate una banana matura e aggiungetela all’impasto. Successivamente dividetelo in due parti uguali. A una metà aggiungiamo l’aroma di vaniglia, all’altra il cacao in polvere.

Fate scaldare una crepiera o una padella antiaderente e per ogni pancake versate una mestolata di impasto. Fate cuocere da entrambi i lati finché risultano ben dorati.

Quando i vostri pancakes alla banana saranno pronti preparatevi a servirli. Sciogliete il cioccolato fondente a bagno maria, recuperate la panna montata e impiattate.

Il classico modo di servirli (che fa molto film americano) è impilati uno sull’altro, decoriamo poi con la panna montata e il cioccolato fuso.

Una vera delizia!

pancakes vegan alla banana

E invece voi, per il vostro compleanno, cosa vi preparate (o vi fate preparare!) di speciale?!

Tartare vegan crudista

tartare vegan crudista

Con la cottura gli alimenti disperdono gran parte delle loro preziose proprietà nutritive: le vitamine sono termolabili (si alterano con il calore), i sali minerali e gli oligoelementi idrosolubili (si sciolgono nell’acqua di cottura). Risulta quindi importante introdurre nella propria dieta frutta e verdura da consumare esclusivamente crude o essiccate. Questo tipo di regime alimentare è definito “crudismo“, secondo il quale nessun cibo dovrebbe essere trattato superando una temperatura di 42°, proprio per non eliminare ciò di cui il nostro organismo ha bisogno: enzimi e tutte le qualità nutrizionali.

Il cibo crudo è cibo vivo, sano e più facilmente digeribile. Certo che passare ad un’alimentazione totalmente crudista la vedo un po’ dura anche per me! Ma di certo, introdurre piatti che non hanno bisogno di forni e fornelli non può che giovare alla nostra salute e all’ambiente.

Per rimanere in tema di ricette facili ho pensato ad una tartare di frutta e verdura, colorata e croccante.

Ingredienti (2 porzioni):
1 zucchina
2 pomodori
1/2 avocado
1/2 peperone giallo (se vi rimane indigesto potete utilizzare 1/2 mango)
succo di 1/2 limone
una manciata di foglioline di menta
un pizzico di sale
2 cucchiai di olio evo (per essere proprio pignoli dovrebbe essere spremuto a freddo)
1 barbabietola
peperoncino in polvere
aglio in polvere

Eliminate la buccia della zucchina, tagliatela a dadini piccoli e fatela marinare per almeno 10 minuti nel succo di limone. Lavate e asciugate il peperone e i pomodori e tagliate anch’essi a dadini piccoli, tutti della stessa misura. Sbucciate e tagliate anche l’avocado.

tartare vegan crudista

Preparate il condimento: tritate finemente le foglie di menta, aggiungete il succo di limone, un cucchiaio di olio e un pizzico di sale. Mescolate tutti gli ingredienti e lasciate insaporire.

Nel frattempo occupatevi della salsa alla barbabietola. Tagliate la barbabietola a cubetti e frullatela insieme a un cucchiaio di olio, un pizzico di peperoncino, di aglio in polvere e di sale, riducendola a crema.

Ora non vi resta che impiattare! Per la classica forma della tartare avete bisogno di un coppapasta rotondo. Versateci gli ingredienti precedentemente mescolati e pressate un po’ per far prendere la forma. Accompagnate il tutto dalla salsa alla barbabietola.

tartare vegan crudista

Voi avete già iniziato a mangiare crudo? Quali sono i vostri piatti preferiti?