Yogurt vegan cake

yogurt-vegan-cake

Qualche tempo fa vi ho mostrato come faccio i biscotti alla mela e cannella e avevo anticipato che una parte di quell’impasto lo avrei usato per un’altra ricetta. Eccola qui! Invece che comprare biscotti confezionati per la base di questa yogurt vegan cake, adoperiamo la nostra pasta frolla, tutto sarà più genuino e fresco, regalandoci grande soddisfazione. Ovviamente accendere il forno solo per cuocere una parte di frolla sarebbe uno spreco, per questo l’ho eseguita in parallelo alla ricetta dei biscotti, un’unica cottura, due dolci differenti 🙂

Ingredienti:
1/3 di impasto di pasta frolla seguendo le grammature della torta al semolino
2 vasetti di yogurt di soia bianco
200 ml di panna di soia
600 ml di latte di soia zuccherato
succo e scorza di 1/2 limone
1 cucchiaino di essenza di vaniglia
50 gr di zucchero di canna
300 gr di confettura a vostro piacimento (noi di fragole)
2 cucchiai di olio di semi di mais
4,5 gr di agar agar

Cuocete la pasta frolla per circa 30 minuti a 175°, finché non risulterà dorata e croccante. Mentre la lasciate raffreddare riponete i due vasetti di yogurt in un colino dalla trama fitta affinché si separi la parte più liquida e rimanga quindi di una consistenza densa e corposa.

yogurt-vegan-cake

Quando la frolla è fredda spezzettatela e tritatela nel mixer, ottenendo un composto granuloso. Aggiungete al composto due cucchiai di olio di semi e uno di zucchero di canna, stendetelo alla base della tortiera, compattate con un cucchiaio e lasciate raffreddare in freezer per almeno 30 minuti.

Nel frattempo occupatevi della crema: in un pentolino versate latte, panna, zucchero, scorza e succo di 1/2 limone, un cucchiaino di essenza di vaniglia e l’agar agar. Fate scaldare a fuoco moderato mescolando continuamente fino a raggiungere il bollore. Non appena inizia a bollire spegnete il fornello o rischierete che il tutto fuoriesca dal pentolino!

Unite lo yogurt alla crema, versatelo sopra la base della torta. Deve raffreddarsi completamente prima di poter essere ricoperta di confettura. Riponete in freezer per circa 30 minuti (stando però attenti che non si congeli!) o in frigorifero almeno 2 ore.

yogurt-vegan-cake

Quando sarà fredda e compatta si può arricchire con la confettura che avete scelto e servire! Ma secondo me il giorno dopo è ancora più buona!

Decisamente rinfrescante! 😉

Annunci

Biscotti di frolla mela e cannella

Biscotti vegan mela e cannella

Trovare sullo scaffale del supermercato una confezione di biscotti vegan e senza olio di palma può essere, certe volte, una vera impresa. Ma perché quindi, invece che leggere infinite liste di ingredienti, non proviamo a farceli con le nostre mani? Materia prima genuina, zero conservanti e costi ridotti sono un bell’incentivo all’autoproduzione. Per questi biscotti al gusto di mela e cannella ho utilizzato come base la pasta frolla che avevamo precedentemente visto nella ricetta della torta al semolino. Basterà un’oretta del vostro tempo per sfornare questi biscotti che inonderanno la casa di un fantastico profumo.

Ingredienti:
350 gr di farina 00
15 gr di frumina
120 gr di zucchero di canna
50 gr di olio evo
50 gr di olio semi di mais
120 ml di latte di riso
3/4 di bustina di lievito
1/2 mela
cannella a piacere

Vi ho già anticipato che la frolla è la stessa della torta al semolino quindi per il procedimento potete consultare questo articolo.

Una volta riposata la frolla stendetela, grattugiateci sopra mezza mela e spolverizzate con cannella a piacere. Volendo potete aggiungere un paio di cucchiaiate di zucchero di canna. Amalgamate bene il tutto e se l’impasto è diventato troppo umido a causa della mela aggiungete altra farina.

Stendete l’impasto mantenedo uno spessore di circa mezzo centimetro. Con una formina per biscotti (o una tazzina) ritagliate la pasta frolla (un terzo dell’impasto l’ho tenuto da parte per un altro dolce).

Biscotti vegan mela e cannella

 

Fate cuocere in forno preriscaldato a 170-175° per circa 25 minuti. A metà cottura ho girato i biscotti per avere una doratura più omogenea. Se non li mangiate tutti appena sfornati, avrete la colazione pronta per almeno un paio di giorni! 😉