Salsa di melanzana con sesamo al profumo di basilico

salsa-melanzana-vegan

L’idea di questa salsa di melanzana nasce sfogliando un libro di cucina mediterranea mentre aspettiamo Diana, un’amica di Vale, che arriverà da Roma. La ricetta originale si chiama baba ghanoush, prevede la cottura della melanzana in forno e l’impiego di coriandolo e cumino. Per velocizzare i tempi abbiamo scelto di cuocere la melanzana in padella e come pianta aromatica usiamo il basilico che coltiviamo sul nostro balcone.

La realizzazione è semplicissima e rapida, il risultato molto saporito!

Ingredienti (1 ciotola piena):
1 melanzana grossa
2 spicchi d’aglio
1 cucchiaio di semi di sesamo
una decina di foglie di basilico
un pizzico di peperoncino
un pizzico di pepe
3 cucchiai di olio evo
sale qb

salsa-melanzana-vegan

Private la melanzana della buccia e tagliatela a cubetti regolari. Tagliate gli spicchi d’aglio a fettine e soffriggeteli in tre cucchiai di olio extra vergine d’oliva. Aggiungete i semi di sesamo e fateli tostare. Quando si saranno scuriti leggermente, versate in padella la dadolata di melanzane e mescolate bene per far assorbire l’olio.

Coprite con un coperchio e lasciate cuocere finché le melanzane non saranno tenere. Nel nostro caso non c’è stato bisogno di aggiungere acqua. A fine cottura unite le foglie di basilico, il peperoncino, il pepe e il sale e frullate con minipimer o mixer.

salsa-melanzane-cecina

Si può gustare sia calda che fredda, con altre verdure o per farcire panini e piadine. Noi l’abbiamo accompagnata a della cecina in formato mini per uno spuntino fingerfood che Diana ha molto apprezzato! (Da brava onnivora curiosa!)

Annunci

Summer salad

insalatona

Ultimamente mi sembra davvero di non avere tempo per fare nulla… sarà che gli esami si avvicinano, sarà il caldo sempre più estivo che cucinare diventa una prova di coraggio, sarà che tornata da lavoro ho sempre meno voglia di stare sui fornelli che urge qualcosa di veloce e che non necessiti cottura.

Quella di oggi quindi non è una vera e propria ricetta, ma un consiglio per un’insalatona super, ricca e gustosa.

Ingredienti (2 persone):
1/2 cespo di insalata iceberg
1 mela
1 cetriolo
1 pomodoro
3 cucchiai di olive nere
50 gr di anacardi
50 gr di cipolla rossa
1/2 avocado
succo di 1/2 limone

Tagliate a rondelle pomodoro, cetriolo e cipolla rossa. Condite a parte la cipolla con un filo d’olio evo e un pizzico di sale affinché perda un po’ di acidità.

Tagliate a dadini l’avocado e a fettine sottili la mela, irrorateli con del succo di limone per non farli ossidare.

24922487

Tagliate l’insalata, incorporate tutti gli ingredienti e condite!

Bruschette: ricetta antispreco!

bruschetta vegan

Quando si cucina capita spesso che avanzi qualcosa, o perché sperimentando una nuova ricetta si abbonda con gli ingredienti o perché, magari, durante la sua preparazione, ci si sazia già con i vari assaggini! Sarebbe un peccato buttare quello che resta, così, con un po’ di creatività e fantasia, nascono le “ricette antispreco”!

Abbiamo utilizzato ciò che rimaneva dal millefoglie di melanzane e, aggiungendo qualche ingrediente in più e improvvisando una salsina al lime, ecco realizzate delle bruschette sane e vegan, da servire durante l’attesa della portata principale.

Per il pane abbiamo optato per quello integrale, profumato e genuino, abbrustolito sulla griglia.

Più che una vera e propria ricetta, questo post vuole essere un invito a non sprecare e uno spunto per reinventarsi dei piatti con gli stessi ingredienti del giorno prima.

bruschette vegan

  • 1° bruschetta: ho tagliato a dadini la melanzana avanzata, l’ho cotta in padella con un filo d’olio evo, una cucchiaiata di emulsione di basilico e qualche fogliolina di origano fresco. L’ho adagiata sopra la fetta di pane abbinandola ai cubetti di pomodoro. Very good!
  • 2° bruschetta: oltre agli avanzi della ricetta precedente, in frigo avevamo cetriolo e lime. Abbiamo escogitato un connubio rinfrescante e aspro, un po’ pungente, ma che contrastato dall’amaro dei semi di sesamo tostati è molto gradevole. Ho sperimentato una crema al lime seguendo un procedimento simile a quello della besciamella. Si versa il latte d’avena (100 ml), un cucchiaio di olio di semi di mais, due cucchiai di amido di mais, succo e scorza grattugiata di un lime e un cucchiaio di aceto di mele, in un pentolino, portando a bollore. Una volta che si è addensata spegnete il fuoco e lasciate raffreddare in frigo. Solo quando sarà completamente fredda passatela al minipimer per ottenere un composto liscio ed omogeneo. Cospargete il pane di questa salsa, cetriolo tagliato a fettine o a spaghetti e qualche semino di sesamo. Et voilà!
  • 3° bruschetta: parte della stessa melanzana della prima bruschetta l’ho ridotta in crema con il minipimer, mentre l’altra l’ho lasciata a cubetti e ho composto la bruschetta. Stesso ingrediente, due consistenze diverse, facilità disarmante!!!

E voi come impiegate i vostri avanzi? Siete creativi in cucina?

 

Millefoglie di melanzane con stracchino di riso, pomodori all’origano ed emulsione di basilico

Millefoglie di melanzane vegan

Tra lavoro e studio io e Vale siamo sempre molto impegnate, ultimamente poi, con la primavera che ha finalmente fatto capolino e il sole che riscalda il nostro balcone, abbiamo anche deciso di dedicarci a un piccolo orticello in vaso.
E tra una pianta aromatica e l’altra, che profumeranno ancora di più le nostre ricette, ci è venuta un po’ di fame, avendo a disposizione i minuti contati e volendo testare lo stracchino di riso appena acquistato, abbiamo creato una semplice millefoglie di melanzane, dall’aspetto e il sapore estivo, aromatizzata con basilico e origano freschi.
Una bontà, che potrete presentare in monoporzione e quindi adattissima per l’aperitivo, ma anche come fosse una parmigiana di melanzane fresca (se utilizzate un’unica teglia per comporre gli strati), ovviamente vegan!

Lascio Vale finire di curare le piantine e io mi dirigo in cucina pronta a spadellare! Ecco cosa ci serve. Nella lista degli ingredienti considero che una porzione equivale a due piccole millefoglie (come quelle della foto).

Ingredienti (2 porzioni):
2 melanzane medie
2 pomodori ramati
100 gr di stracchino di riso
1 manciata di basilico
1 manciata di origano fresco
1 cucchiaio di semi di sesamo
olio di semi di mais qb
olio extra vergine di oliva qb
sale qb

ingredienti per millefoglie di melanzane vegan

Lavate melanzane e pomodori. Tagliate le melanzane a rondelle (se volete comporre delle monoporzioni) o a fette verticali (se realizzate un’unica teglia e quindi vi serve una base più ampia) e i pomodori a cubetti. Fate cuocere le melanzane in padella con un po’ di olio di semi, non tanto abbondante da friggerle, ma sufficiente a non farle bruciare e a renderle morbide. Nel frattempo condite la dadolata di pomodori con olio evo, sale e origano e, se vi piace, peperoncino.

Nel bicchiere del minipimer unite la manciata di basilico, un goccio d’acqua e un filo d’olio. Frullate fino ad ottenere un’emulsione e in base alla densità che gradite di più, aggiungete acqua od olio evo e un pizzico di sale.

In una padella antiaderente tostate i semi di sesamo fino a dorarli. Il loro retrogusto amarognolo e la consistenza croccante daranno una marcia in più a questa preparazione semplicissima.

Ora che avete pronti tutti i pezzi non vi resta che assemblare il puzzle!

Adagiate la prima fetta di melanzana, spalmateci un cucchiaio di stracchino di riso seguito da un cucchiaio di dadolata di pomodori, spruzzate l’emulsione di basilico e spargete qualche semino di sesamo. Ripetete questa operazione per il secondo strato. Sul terzo e ultimo strato noi abbiamo omesso lo stracchino di riso, abbondando invece di basilico e sesamo.

Mangiata fredda è buonissima e vi farà fare sicuramente bella figura in caso di cene o aperitivi con gli amici!

Noi ce la gustiamo in terrazzo, baciate dal sole!

millefoglie vegan di melanzane