Tartare vegan crudista

tartare vegan crudista

Con la cottura gli alimenti disperdono gran parte delle loro preziose proprietà nutritive: le vitamine sono termolabili (si alterano con il calore), i sali minerali e gli oligoelementi idrosolubili (si sciolgono nell’acqua di cottura). Risulta quindi importante introdurre nella propria dieta frutta e verdura da consumare esclusivamente crude o essiccate. Questo tipo di regime alimentare è definito “crudismo“, secondo il quale nessun cibo dovrebbe essere trattato superando una temperatura di 42°, proprio per non eliminare ciò di cui il nostro organismo ha bisogno: enzimi e tutte le qualità nutrizionali.

Il cibo crudo è cibo vivo, sano e più facilmente digeribile. Certo che passare ad un’alimentazione totalmente crudista la vedo un po’ dura anche per me! Ma di certo, introdurre piatti che non hanno bisogno di forni e fornelli non può che giovare alla nostra salute e all’ambiente.

Per rimanere in tema di ricette facili ho pensato ad una tartare di frutta e verdura, colorata e croccante.

Ingredienti (2 porzioni):
1 zucchina
2 pomodori
1/2 avocado
1/2 peperone giallo (se vi rimane indigesto potete utilizzare 1/2 mango)
succo di 1/2 limone
una manciata di foglioline di menta
un pizzico di sale
2 cucchiai di olio evo (per essere proprio pignoli dovrebbe essere spremuto a freddo)
1 barbabietola
peperoncino in polvere
aglio in polvere

Eliminate la buccia della zucchina, tagliatela a dadini piccoli e fatela marinare per almeno 10 minuti nel succo di limone. Lavate e asciugate il peperone e i pomodori e tagliate anch’essi a dadini piccoli, tutti della stessa misura. Sbucciate e tagliate anche l’avocado.

tartare vegan crudista

Preparate il condimento: tritate finemente le foglie di menta, aggiungete il succo di limone, un cucchiaio di olio e un pizzico di sale. Mescolate tutti gli ingredienti e lasciate insaporire.

Nel frattempo occupatevi della salsa alla barbabietola. Tagliate la barbabietola a cubetti e frullatela insieme a un cucchiaio di olio, un pizzico di peperoncino, di aglio in polvere e di sale, riducendola a crema.

Ora non vi resta che impiattare! Per la classica forma della tartare avete bisogno di un coppapasta rotondo. Versateci gli ingredienti precedentemente mescolati e pressate un po’ per far prendere la forma. Accompagnate il tutto dalla salsa alla barbabietola.

tartare vegan crudista

Voi avete già iniziato a mangiare crudo? Quali sono i vostri piatti preferiti?

Mojito analcolico al cetriolo

mojito analcolico al cetriolo

Dopo queste giornate piovose, il meteo promette sole e temperature che arriveranno anche a 28°, non male per essere maggio! Aspettando l’estate, Vale si è inventata un drink analcolico al cetriolo dissetante e leggermente speziato.

Per renderlo un “finto mojito” ho aggiunto lime, zucchero di canna e menta. Gli ingredienti per due bicchieri sono:

1 cetriolo
zenzero grattugiato a piacere
1 lime
4 cucchiaini di zucchero di canna
1 pugno di foglioline di menta
cubetti di ghiaccio

Frullate il cetriolo e metà delle foglioline di menta con due bicchieri d’acqua. Passate il liquido in un colino per eliminare la polpa.

Tagliate il lime in 4 spicchi e utilizzatene 2 per ogni bicchiere, aggiungete a ciascuno lo zucchero di canna e qualche foglia di menta. Pestate il tutto con il pestello del mortaio o, se non ce lo avete, semplicemente con un cucchiaio di legno.

mojito analcolico al cetriolo

Riempite i bicchieri di cubetti di ghiaccio, aggiungete le restanti foglie di menta, versate il cetriolo frullato e grattugiate lo zenzero (la quantità è a vostro gusto).

Mescolate bene prima di berlo!

Grano, carote saltate con semi di sesamo tostati e hummus di piselli alla menta

2469 copia

Come ogni blogger che si rispetti, anche noi abbiamo deciso di stilare una “tabella di marcia”, una sorta di lista di idee di ricette che ci vengono in mente quando siamo indaffarate a fare altro e non ci possiamo fiondare ai fornelli nell’immediato. Il fatto è che poi, quando abbiamo effettivamente tempo per preparare qualcosa, prevale sempre l’improvvisazione! Spesso i nostri piatti nascono dalla domanda: “che è rimasto in frigo?” perché bisogna imparare a creare con poco, a saper abbinare anche ingredienti che sembrano “poveri” e rendere sfiziosi i piatti usando qualche piccolo accorgimento, spezie profumate e un po’ di fantasia.
Carote, piselli e grano sono i protagonisti di questo piatto unico leggero e colorato ispirato dalla primavera!

Ingredienti (1 porzione):
50 gr di grano
2 carote
250 gr di piselli
testa di 1 cipollotto
2 cucchiai di aceto balsamico
1 cucchiaio di semi di sesamo
7/8 foglie di menta
1 cucchiaio di olio aromatizzato alle spezie (timo, rosmarino, origano, salvia)

Per prima cosa potete preparere l’olio aromatizzato perché più le spezie stanno nell’olio più lo insaporiranno. Ovviamente, dato che per questa ricetta ne servono solo uno o due cucchiai (in base ai vostri gusti) preparatene un po’ di più e conservatelo in un barattolo di vetro chiuso per utilizzarlo in altre occasioni.

Per un bicchiere d’olio extra vergine d’oliva ho usato 3 foglie di salvia, un pugno di rosmarino e una manciata di timo, con qualche fogliolina di origano. Ho usato queste erbe aromatiche perché le coltivo in vaso, potete omettere o aggiungere ciò che preferite, se non le avete fresche, anche secche e aggiungere del peperoncino se vi piace il piccante.

241 copia

Mettete a bollire l’acqua in una pentola e raggiunto il bollore salate e cuocete il grano. Intanto tagliate le carote a julienne e soffriggetele con un filo d’olio evo e poca acqua.
In un’altra padella fate soffriggere 4 o 5 rondelline di cipollotto, 2 cucchiai di olio evo, aggiungete i piselli e mezzo bicchiere d’acqua, lasciate cuocere. Aggiungete acqua all’occorrenza.

Quando le carote sono dorate, aggiungete l’aceto balsamico e fate evaporare, spegnete il fuoco lasciando le carote ancora un po’ croccanti. Tostate a parte i semi di sesamo fino a dorarli, aggiungeteli poi alle carote.

Una volta cotti i piselli, versateli nel mixer, aggiungete un filo d’olio e due dita d’acqua, le foglie di menta e riducete in purea. Non deve essere liquida, diciamo che, se lo avete già provato, deve avere la stessa consistenza dell’hummus di ceci.

Appena il grano è cotto scolatelo e conditelo con l’olio aromatizzato e poi componete il vostro piatto unico!

Piatto unico